La nuova normalità della calotta glaciale della Groenlandia

La nuova normalità della calotta glaciale della Groenlandia

Per anni gli scienziati hanno assistito al ritiro dei ghiacciai di tutto il mondo ma la contrazione dei ghiacciai potrebbe aver creato una nuova normalità per la calotta glaciale della Groenlandia: una consistente perdita di ghiaccio per il prossimo futuro.

La Groenlandia è l'isola più grande della Terra e circa l'80% di essa è ricoperta da una gigantesca lastra di ghiaccio.
I ghiacciai che scorrono lentamente collegano questo enorme serbatoio di acqua dolce ghiacciata all'oceano, ma a causa del cambiamento climatico, questi ghiacciai si stanno rapidamente ritirando. Ma a causa del riscaldamento causato dal cambiamento climatico, qualcosa è cambiato nella dinamica del mutamento climatico. Una recente ricerca del Ohio State University ha scoperto che i ghiacciai lungo il confine della Groenlandia si sono ritirati così tanto da non mantenere più in equilibrio la calotta glaciale che li alimenta.
Quando i ghiacciai si ritirano lungo le valli, scorrono più velocemente e portano più ghiaccio dall'entroterra al mare.

Immagina un ingorgo: quando un'autostrada è piena zeppa di automobili o di ghiaccio scorre lentamente. Ma man mano che l'inceppamento o il ghiacciaio si riducono, il numero di auto o la quantità di ghiaccio che possono scorrere in un dato periodo aumenta.

 

"La calotta glaciale della Groenlandia è ora sbilanciata. La nuova normalità è una perdita complessiva annuale di ghiaccio"

La maggior parte dei ghiacciai della Groenlandia finisce nel mare, dove l'acqua dell'oceano si scioglie e indebolisce il ghiaccio fino a quando non si rompe in pezzi che cadono drammaticamente nel Nord Atlantico. Se il ghiaccio si perde nella parte anteriore del ghiacciaio più velocemente di quanto venga reintegrato dal ghiaccio a monte, il ghiacciaio si ritirerà nell'entroterra. Questo si chiama ritiro glaciale. Il ritiro non solo accorcia la lunghezza del ghiacciaio, ma riduce anche l' attrito tra il ghiaccio e le valli circostanti . Con una minore superficie di ghiaccio che tocca il suolo, il ghiaccio può scorrere più velocemente. Proprio come l'ingorgo che si restringe, il ritiro prolungato del ghiacciaio si traduce in ghiacciai a flusso più veloce che drenano la calotta di ghiaccio sopra più rapidamente.

 

Uno stato di perdita di ghiaccio persistente

Il team universiario ha scoperto che oggi i ghiacciai drenano annualmente il 14% in più di ghiaccio dalla calotta glaciale - circa 500 miliardi di tonnellate metriche - rispetto alla media tra il 1985 e il 1999. Questo flusso più veloce sta causando il restringimento della calotta glaciale che copre la maggior parte della Groenlandia , ma ha anche cambiato la dinamica dell'intero sistema.
La calotta glaciale si trova ora in un nuovo stato sbilanciato di persistente perdita di massa.

Prima del 2000, la perdita di ghiaccio equivaleva all'incirca a quella aggiunta dalle nevicate, quindi la calotta di ghiaccio era stabile. Ora, le perdite di massa di ghiaccio superano costantemente i guadagni di massa, anche negli anni più freddi di accumulo di neve relativamente elevato. I ghiacciai agivano come un importante ingorgo stradale, tenendo sotto controllo la perdita di ghiaccio. Ora, tuttavia, il traffico scorre più liberamente e il ghiaccio è in grado di fluire più facilmente lontano dalla calotta glaciale.
Sfortunatamente, le temperature dell'aria più calde hanno anche aumentato lo scioglimento della superficie , con conseguente minore accumulo di neve in Groenlandia.

 

In guai seri, ma non ancora condannato

Lo studio ha mostrato come il ritiro diffuso abbia determinato sia un aumento della scarica del ghiacciaio sia un passaggio alla perdita di massa della calotta glaciale persistente. Ma questo non significa che la calotta glaciale sia condannata.
La ritirata continua e ulteriori aumenti della dimissione sono limitati dalla topografia. Nel corso dei prossimi secoli i ghiacciai potrebbero ritirarsi su un terreno più elevato e alla fine formare una calotta glaciale completamente priva di sbocco sul mare con un flusso minimo , essenzialmente un grosso pezzo di ghiaccio che si trova in cima alla Groenlandia senza ghiacciai che lo drenano. In questo scenario futuro, l'equilibrio della calotta glaciale sarebbe determinato solo dai cambiamenti della superficie - accumulo di neve e scioglimento superficiale.

Un team internazionale di climatologi ed oceanografi, infatti, stima che la calotta di ghiaccio dell’interno della Groenlandia sia cresciuta di 6 cm all’anno nelle aree sopra i 1500 metri tra il 1992 ed il 2003. L’autore principale Ola Johannessen dice che la crescita è dovuta ad un aumento delle nevicate dovute alla variabilità della circolazione atmosferica regionale della cosiddetta North Atlantic Oscillation- NAO

A questo punto, il destino della calotta glaciale dipende "semplicemente" dal fatto che si stia sciogliendo più velocemente di quanto cresca grazie alle nevicate invernali.
In un mondo caldo in cui il cambiamento climatico non viene affrontato, la calotta glaciale si scioglierà lentamente e alla fine scomparirà. Ma se il cambiamento climatico viene controllato e le temperature più fresche vengono mantenute per un periodo prolungato, è possibile che la calotta glaciale della Groenlandia possa ricrescere. A quel giorno potrebbero mancare ancora centinaia di anni, ma sono le azioni compiute oggi che decideranno il destino della calotta glaciale della Groenlandia.

Share it