Canyon di ghiaccio in Groenlandia

Canyon di ghiaccio in Groenlandia

L'Ice Canyon (o fiume blu della Groenlandia) è stato scoperto e studiato solo di recente da scienziati provenienti da diverse e celebri università; il nome Ice Canyon descrive al meglio il luogo: il Canyon è in realtà un' enorme fossa sepolta sotto la calotta glaciale della Groenlandia. Fu scoperto per la prima volta quando la NASA raccolse alcuni dati usando il loro radar penetrante nel ghiaccio che mostrava l'esistenza di un gigantesco canyon sotto il ghiaccio.
Secondo una stima, i canyon sub glaciali coprono una distanza anche di 750 km e scorrono dalla regione centrale dell'isola e nell'Oceano Artico. Questo canyon, nello specifico, sembra essere il canyon più lungo della Terra.
Ha anche una profondità sbalorditiva di 800 metri, scendendo al di sotto del livello del mare. Secondo le ultime ricerche, il canyon aiuta a trasportare l'acqua dallo scioglimento del ghiacciaio alla calotta glaciale nell'oceano. La sua profondità media comunque oscilla tra i 30 e i 40 metri e sul suo fondo si formano enormi pozze di acqua cristallina che assumono colorazioni che vanno dall’azzurro al blu notte.
Tra maggio e luglio, quando il clima è più mite ed i ghiacciai si sciolgono, il letto dell’Ice Canyon è completamente occupato dalle acque, tanto da sembrare un vero e proprio fiume… è quello sembra essere il periodo migliore per visitarlo.

Visitare i ghiacciai in Groenlandia?

 

Dove si trova il Canyon di ghiaccio in Groenlandia?

Essendo una vena che passa in mezzo al deserto ghiacciato, la forma dell'Ice Canyon cambia ogni anno a causa del ghiacciaio Petermann che lo alimenta. Questo canyon di ghiaccio è (apparentemente) sembrato essere il luogo più fotografato della Groenlandia ma anche uno dei più freddi al mondo.
Il ghiacciaio Petermann è un grande ghiacciaio situato nella Groenlandia nord-occidentale ad est dello stretto di Nares. Collega la calotta glaciale della Groenlandia all'Oceano Artico, vicino a Hans Island.

Il ghiacciaio è costituito da una lingua di ghiaccio galleggiante lunga 70 km e larga 15 km il cui spessore varia da circa 600 m alla sua linea di terra a circa 30–80 metri nella parte anteriore. Una serie di immagini satellitari dal 2002 al 2009 mostrano che il capolinea del ghiacciaio si è spostato verso l'oceano, tuttavia si sono sviluppate anche diverse fratture laterali. La distanza di queste fratture o crepe dal capolinea è diminuita anche per questo periodo di tempo e può servire da precursore del parto del ghiaccio naturale dal ghiacciaio Petermann.
I dati dell'operazione IceBridge mostrano un canyon subglaciale lungo 750 km che corre dal centro dell'isola verso nord fino al fiordo del ghiacciaio Petermann. Soprannominato "Grand Canyon della Groenlandia" dai media, il fondo è al di sotto del livello del mare e il canyon probabilmente ha influenzato il flusso di acqua basale dall'interno della calotta glaciale al margine.
Il "Grand Canyon della Groenlandia", che molti chiamano "Ice Canyon", è quindi sotterraneo (sotto lo strato di ghiaccio) e attualmente aperto esclusivamente a scopo di ricerca.
La foto mostrata in internet (e che abbiamo utilizzato in questo articolo) di un canale blu in mezzo a colline ghiacciate, purtroppo non è "Ice Canyon / Grand Canyon". Questa è però la foto più comunemente diffusa ed erroneamente (o truffaldinamente?) utilizzata da operatori turistici locali per vendere escursioni suui ghiacciai!

vuoi andare a vedere un ghiacciaio?

Share it